Le mamme di Prometeo – parte 2/2

Ieri si è tenuto il terzo grado di un processo per pedofilia. La mamma che ha atteso di sapere che ”nel nome del popolo italiano” il pedofilo che ha tolto serenità a lei e alla sua bambina venisse o meno condannato, era la numero 27. Davanti a lei quindi, in attesa del medesimo responso, 26 altre vittime dello stesso crimine. Compiuto da 26 predatori di bambini, provenienti da ogni parte d’Italia.
Come tutte le mamme (ed i papà, ma oggi solo di mamme parliamo) che incontriamo ha dovuto subire le peggiori cose, col solo scopo di restituire dignità e serenità alla propria bimba ferita. Nel suo caso dall’amico di famiglia, da quello di cui ci si può fidare, perché i pedofili, si sa, mica vanno in giro con la scritta “sono un abusante” in fronte.
Il lieto fine della sua storia non sempre arriva per tutte, ce l’ha raccontato ieri un’altra madre, andata due anni fa a chiedere aiuto ai servizi “istituzionali”, quelli predisposti a dare aiuto alle vittime (almeno sulla carta) ma che nella realtà dei fatti hanno nuovamente abusato di lei. E della sua bambina. Stringendo invece la mano al di lei marito, accogliendolo, proteggendolo.
Due mamme, due storie. Entrambe comunque a lieto fine. Poiché a prescindere dall’esito di una sentenza (che resta importante ma non deve prevalere sul resto) tutte e due oggi abbracciano forte le loro piccole e sanno che, quel abbraccio farà la differenza tra un futuro incerto e la giusta meritata serenità.

Un Commento a “Le mamme di Prometeo – parte 2/2”

  • monica zuncheddu:

    E pensa che c’è chi mente x difendere un pedofilo!!! E da della bugiarda alla mamma che stringe la mano della sua bimba e lotta x lei…

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe