Le mie bimbe molestate e lui libero e tranquillo. Perché?

Le mie bimbe molestate e lui libero e tranquillo. Perché?

Raccogliamo lo sfogo disperato di una madre. La cui vita, da alcuni anni, ha subito un brusco arresto ed una altrettanto brusca inversione di tendenza. La causa: il peggiore dei mali. Quello che a volte sembra surclassare il più forte dei tumori, resistente pure alle più moderne chemioterapie: l’abuso.
Nel suo caso verso la propria vita: quella rappresentata da due bambine, all’epoca dei fatti di 3 e 8 anni.
Bimbe che da un po’ di tempo non stanno bene ed hanno tutta una serie di malesseri a cui però non si riesce a dare una risposta.
Fino a quando l’amichetta della bimba più grande non raccoglie le confidenze della propria compagna di giochi: e spaventata ne parla subito con la propria madre, la quale avvisa la mamma delle bimbe.
E lì si apre un mondo. Di dolore, silenzi, minacce, paura.
Ma soprattutto un nuovo problema. L’abusante è minorenne ed il Tribunale competente è appunto quello dei minori. Ma è anche fratello del papà delle bambine e questo crea non pochi attriti in famiglia:
“pur rendendomi conto dell’assurdità, non riuscivo a perdonare a mio marito che ad abusare le nostre figlie fosse stato suo fratello minore.
Non gli perdonavo di stessere il fratello di un mostro!”.
Dalla famiglia peraltro arrivano i primi problemi:
“inizialmente ci minacciarono di morte. Poi addirittura cambiarono strategia offrendoci dei soldi per stare in silenzio”.
La madre però va avanti e denuncia appunto l’abusante.
Ma inizia un nuovo calvario.
“Veniamo noi periziati fino all’inverosimile, mentre non risulta che a lui sia successo lo stesso”.
Da allora (2006) è un via vai di assistenti sociali, psichiatri e quant’altro. La donna lascia il lavoro per stare più vicina alle bambine turbate da tutti i colloqui e pure il marito cambia lavoro, con una posizione che gli dà uno stipendio inferiore.
Sono passati quasi 6 anni ed ancora il Tribunale non si è pronunciato.
L’abusante resta libero.
Le vittime…no.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe