Pediatra pedofilo di Vicenza, ottiene i domicliari.

Domiciliari al pediatra pedofilo.
Siamo sommersi di vostre lettere ricche di indignazione per i domiciliari dati al pediatra pedofilo.
Per ora ci limitiamo a riportare l’articolo apparso sul Giornale di Vicenza e ad aggiungere subito che la cosa non ci ha stupiti. A breve metteremo una nostra riflessione ed un articolo che stiamo preparando su come si viene accolti in carcere. Da pedofili.
A due mesi dall’arresto è uscito di prigione. Per Domenico Mattiello, 64 anni, ieri si sono aperte le porte del carcere di Montorio Veronese. Il giudice ha accolto l’istanza del legale del medico e gli ha concesso gli arresti domiciliari. Non nella sua abitazione a Borgo Casale, comunque. Il pediatra starà in un appartamento sul quale, per motivi di sicurezza, viene mantenuto il massimo riserbo: lontano non solo dalla città ma anche dalla provincia di Vicenza.
L’ARRESTO. Era lo scorso 14 giugno quando i poliziotti della squadra mobile, attraverso le microcamere installate a seguito di due segnalazioni alla procura, videro Domenico Mattiello in azione all’asilo nido Cariolato, mentre “visitava” una bimba di appena tre anni e fecero immediata irruzione per interrompere quelle che il procuratore Pecori ha definito «prove granitiche» di violenza sessuale, peraltro autofilmate dallo stesso pediatra con una macchinetta digitale.
Durante gli interrogatori l’uomo, assistito dall’avvocato Lino Roetta, ha affermato di aver effettuato la prima ripresa un anno fa. «Dopo l’estate – aveva detto – non si verificarono più queste “situazioni” diciamo oltre i limiti del mio ruolo. Il problema si ripresentò nei primi mesi di quest’anno». Ora a Doraldo Santagiuliana, il perito incaricato dal giudice, spetta il compito di setacciare i quattro computer del medico, per scoprire se esistano altri filmati o fotografie. L’incarico è stato conferito a fine luglio: l’esperto ha ancora 45 giorni per trovare altri elementi che siano utili all’indagine e far capire agli inquirenti quanti siano effettivamente i minori molestati dall’uomo. Mattiello ha ammesso le sue responsabilità per quattro episodi, per altri due, che vedrebbero coinvolte due bimbe di sette e dodici anni, aveva invece rigettato ogni responsabilità.
I DOMICILIARI. Secondo il magistrato gli arresti domiciliari sono una misura sufficiente per tutelare le esigenze cautelari dal momento che Mattiello non sarebbe in grado di reiterare il reato né avrebbe alcuna possibilità d’inquinare le prove, dato che proprio sugli ultimi due casi, lo scorso 22 luglio, le presunte vittime, alla presenza del pm De Munari e degli avvocati delle parti, hanno dato vita all’incidente probatorio, chiesto dalla procura per acquisire una prova che anticipa il processo. La famiglia del pediatra, nei giorni scorsi, si era impegnata a trovare una sistemazione alternativa in una località fuori provincia. Località che viene tenuta rigorosamente segreta e per la quale è inoltre prevista la vigilanza da parte dei carabinieri del posto. Misure ritenute necessarie per garantire l’incolumità del medico.
L’INTIMIDAZIONE. Poche ore prima dell’incidente probatorio, infatti, alcuni sconosciuti avevano lanciato una bomba-carta contro il suo studio in viale della Pace.
Un episodio allarmante sulle cui ragioni sembrano esserci pochi dubbi. Il gesto lascia intendere che vi sia qualcuno che ha perso letteralmente la testa e la misura e abbia voluto lanciare un messaggio intimidatorio nei confronti del medico indagato.    Articolo di Claudia Milani – da Il Giornale di Vicenza.

Un Commento a “Pediatra pedofilo di Vicenza, ottiene i domicliari.”

  • samantha:

    “Località che viene tenuta rigorosamente segreta e per la quale è inoltre prevista la vigilanza da parte dei carabinieri del posto. Misure ritenute necessarie per garantire l’incolumità del medico”.
    INCOLUMITA’ DEL MEDICO??????
    Il mio pensiero non può che andare a quella bambina che invece ha il suo predatore condannato che sconta la pena ai domiciliari nello stesso condominio dove abita lei stessa.
    Il mio pensiero non può che andare a tutti quei bambini e bambine che aspettano anni e anni la fine del terzo grado di guidizio per vedere (forse) finalmente punito e in galera il pedofilo. Nel mentre lui è a piede libero e loro si sentono di fatto “ai domiciliari” perchè hanno paura di incontrarlo.
    Questa società non pensa affatto all’incolumità dei bambini.
    Lo dimostra il fatto che questo pediatra farà i domiciliari in un luogo nascosto e che se non fosse per la sua foto pubblicata nessuno saprebbe chi è. E non è detto che finisca davvero in un paesello dove nessuno sa chi è e magari il prete se lo piglia in parrocchia perchè “bisogna saper perdonare e recuperare i peccatori”, oppure qualche assistente sociale si fa infinocchiare e poi ce lo classifica come “guarito”.
    Lo dimostra il fatto che un sindaco di un ridente paesello ha avuto la pensata di “recuperare” dei carcerati per pedofilia facendo loro fare i giardinieri nel parco, parco dove ovviamente dovrebbero poter giocare serenamente i bambini.
    Il giorno in cui tutti avranno la mentalità di considerare “persona con tutti i diritti” anche i bambini forse le cose cambieranno, con questo andazzo però non meravigliamoci se poi qualche minore si fa giustizia da solo.
    VISTO CHE LA GIUSTIZIA DEGLI ADULTI E’ MAGNANIMA CON GLI ADULTI E HA TEMPI MOLTO LUNGHI.
    Provassero almeno a chiedersi cosa passa per la testa di un bambino a veder fare di queste cose.
    PROVASSERO ALMENO A CHIEDERSI CHE ESEMPIO DANNO.

Lascia un Commento

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe