Articoli marcati con tag ‘family day’

Di spose bambine, diritti delle donne e family day – Parte 1

Nel mondo si celebrano 7 milioni di matrimoni all’anno. E allora chiederete? Dov’è il problema? Semplice. E’ che sono matrimoni con spose BAMBINE duemila delle quali nate in ITALIA!). Eppure nessuno scende in piazza, “sentinella” in piedi, protesta. Perché? spose bambine

E’ stata definita una forma di “legalizzazione della pedofilia” e mai definizione fu più corretta. Parlo dei matrimoni combinati che hanno come controparte ad uomini spesso molto maturi (anche dai 60 anni in su, ma non solo ovviamente) “mogli” di un’età mai superiore ai 15 anni, anzi solitamente dai 12…in giù. Diamo un po’ di numeri, tra quelli presentati di recente dall’Aidos alla Camera dei Deputati: 60 milioni i matrimoni forzati ogni anno al mondo. 146 i paesi dove le ragazze possono sposarsi malgrado non abbiano raggiunto i 18 anni d’età e 52 dove il matrimonio è consentito prima dei 15. Ovviamente dove la legge lo impedisce si verificano comunque matrimoni con “donne” di….8/10 anni. 20mila ragazze minorenni ogni giorno diventano madri nei paesi del sud del mondo. La nascita di bambini da spose bambine ha ovviamente tutta una serie di implicazioni di carattere sanitario che mettono a repentaglio sia la salute della madre che quella del nascituro. Spesso le ragazze devono abortire correndo il rischio di morire durante tale pratica. Alte morte sono ammalate di aids, a causa delle violenze subite, malattia che di conseguenza trasmettono al neonato. Altri dati. Il 46% delle ragazze sotto ii 18 anni nell’Asia meridionale, è sposata. Il 39% nell’Africa Subsahariana, il 29% in America Latina e Caraibi ed il 18% in Medio Oriente e Nord Africa. In Inghilterra il Governo inglese ha creato una “Forced Marriage Unit”, per monitorare il fenomeno dei matrimoni forzati, presenti sul territorio britannico e per dare strumenti di intervento all’estero. Trattasi sempre di matrimoni dove una delle due parti, quella per capirci di sesso femminile, “è minorenne e vittima SEMRPE di violenza sessuale, psicologica, fisica, finanziaria ed emotiva”. La soluzione per uscire da questa prassi sempre più consolidata è: l’educazione. Delle ragazze. A cui è stata rubata l’infanzia, la possibilità di giocare, studiare, svagarsi. Anche innamorarsi. Non di vecchi pedofili ma di coetanei. Ma attenzione. Qua nasce un nuovo punto. Guardatevi questo video, realizzato durante il Family Day italiano e chiedetevi: non è che l’indipendenza culturale/sociale/economica della donna sia in realtà boicottata, in primis, nei paesi che non sono catalogabili come terzo mondo?

http://www.lastampa.it/2015/06/23/multimedia/italia/il-femminicidio-colpa-delle-donne-che-non-amano-i-mariti-qPBt7kwVVEm2YZ2hFjYzbP/pagina.html

 

CONTINUA…..

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe