Articoli marcati con tag ‘lettera di una suora in difesa del prete pedofilo’

Lettera di una presunta suora, amica di un prete. Pedofilo.

Riceviamo da una presunta suora, amica di un prete. Pedofilo. 

ciao,
non ci conosciamo. Sono una suora.Sono capitata nel tuo sito e il motivo lo capirai presto.
mi fa piacere vedere il lavoro che fate per combattere la pedofilia; capisco molto bene il vostro desiderio di combatterla e di condannarla. Io vivo all’estero e lavoro in un carcere;non puoi immaginare quanta sofferenza vedono i miei occhi, quante terribili storie di abusi ascolto ogni giorno. A volte cerco di immaginare  il dolore di Dio davanti a tutte le  persone vittime di abusi. Quante ne incontro!
come puoi capire odio la pedofilia e il male che porta con se.
ma arrrivo al punto;don marco, un prete che e’ stato condannato dalla giustizia e che voi avete attaccato sul vostro sito e’ un mio caro amico.
certo, per voi e’ facile condannare lui e chi come me lo difende. Tipico: la chiesa e gli stupidi che ne fanno parte difende i suoi preti.
quello che io mi chiedo, davanti al dolore che questa condanna ha inflitto a don marco e a tutte le persone che lo conoscono e lo amano, non vi siete mai chiesti se tutto questo non fosse vero? non avete mai messo in dubbio la sua colpevolezza?
no certo! ovvio perche’ la giustizia lo ha condannato!
io lavoro in prigione e credimi, non puoi immaginare quante volte la giustizia non faccia il suo corso. Persone che dovrebbero essere in prigione sono liberamente e pericolosamnete fuori e persone innocenti sono condannate ingiustamente.
Credimi dopo tutto quello che ho visto non e’ facile credere nela giustizia!
come ti sentiresti tu se domani qualcuno ti accusasse del peggiore dei crimini? cosa proveresti? e se oltre a questo la gente di guardasse come se fossi un mostro? come ti sentiresti?
avete mai pensato di chiedere a Dio cosa ne pensa di don Marco?
avete dimenticato che Gesu’ Cristo e’ stato accusato ingiustamene?
voi credete che lo difendiamo perche’ e’ un amico, ma non avete mai pensato che forse lo difediamo e lottiamo per lui perche’ lo conosciamo ?perche’ chi lo conosce non puo’ che vedere un cuore buono, innamorato di Dio e che ha speso e spende  la sua vita per le persone che Dio gli ha affidato!
Secondo te lo difenderemmo se avessimo anche solo il minimo dubbio che e’ colpevole?
I pedofili devono pagare e i preti pedofili devono pagare ancora di piu’; ne la chiesa ne nessuno di noi lo mette in dubbio.
ma ricordatevi che il signore ci chiede di non condannare per una ragione semplice; perche’ non sappiamo la verita’.
come ti sentiresti se sapessi di collaborare con il tuo sito a diffondere una menzogna? se il tuo sito che difende i bambini e condanna la pedofilia condannasse un innocente?
un giorno anche noi saremo davanti a Dio, no dimentichiamolo,anche voi.
mi piacerebbe che mi rispondessi e che publicassi sul tuo sito questo articolo.
o forse pubblicate solo quando si sputa addosso ai preti?
grazie dell’ascolto.
sr virna

——————————————————–
Incommentabile. Anzi una cosa la diciamo. È fin troppo facile far passare per anticlericale chi chiede che dalla Chiesa vengano cacciati a calci nel sedere quei bruttissimi esempi il cui crimine vale il doppio. Proprio perché commesso sotto il nome di Dio ma nelle veci del Diavolo.
Come scrisse Papa Paolo VI «attraverso qualche fessura il fumo di Satana è entrato nella Chiesa» e di odore di bruciato questa mail è piena zeppa…..

Sulla motivazione “io lo conosco bene quindi non è colpevole” abbiamo invece scritto così tante volte su questo blog da non aver più voglia di parlarne. Se non ricordando per l’ennesima volta la testimonianza di Traudl Junge segretaria personale di Adolph Hitler. La quale in una intervista fatta alcuni anni fa prima di morire disse che in fondo Hitler era una brava persona, amava molto i suoi cani e lei, pur essendole stata così vicina, non poteva immaginarsi il male che lui stava commettendo.

 Nota: i lettori ci chiederanno, ma a quale Don Marco si riferisce la “sorella”? Non ci è dato saperlo e sinceramente applicando la politica di tolleranza zero non leggeremo alcuna mail dalla suddetta qualora dovesse perdere altro tempo a scriverci.
Spiacenti quindi la risposta non c’è.
Ma s epensiamo alle condanne, potrebbe essere:

DON MARCO Casale, recentemente arrestato in quel di Como.

DON MARCO Baresi, già vice rettore del seminario di Brescia, condannato in via definitiva per detenzione di materiale pedopornografico e abusi su un minore e in attesa di processo poiché la Cassazione, che ha confermato al pena, ha chiesto di rivedere i reati accaduti dopo il 2004?

DON MARCO Dessì, operava nelle missioni e mentre la gente viveva in condizioni di estrema povertà lui viaggiava con auto di lusso e consumava pasti da pranzo di nozze, cacciato dalla Chiesa dopo la condanna per detenzione di più di mille files pedofili e abusi su tre bambini, quello che nelle intercettazioni telefoniche faceva capire che certi testimoni potevano essere fatti sparire?

DON MARCO Cerullo, viceparroco a Casal di Principe e insegnante di religione a Villa Literno, arrestato in flagranza di reato mentre abusava di un bimbo di 11 anni e condannato in Cassazione a 6 anni e 8 mesi.
Chissà di chi parla. Il dubbio resta.
Come i fatti!

CONTINUA…..CON I VOSTRI COMMENTI.

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe