Articoli marcati con tag ‘massimiliano frassi’

Prevenire gli abusi: la campagna di Prometeo

Solo nell’ultimo mese e mezzo abbiamo tenuto 4 conferenze e tre corsi per i bambini e gli adulti.
Più di mille le persone incontrate, tra grandi e piccoli appunto.
Quest’estate faremo degli incontri in alcuni posti di villeggiatura e poi da settembre partiremo con un nuovo ciclo di conferenze in tutta Italia, molte legate anche ai miei nuovi libri.
Grazie a tutti di cuore per il sempre prezioso supporto E grazie a noi per un instancabile impegno!

 

conferenza prometeo a curnasco treviglio 2019 conferenza pedoflia masimiliano frassi 5conferenza i pericoli di internet massimiliano frassi Massimiliano Frassi corso pe ri bambini sulla pedolfia Hikikomori Bergamo Associazione Prometeo

 

(Queste alcune locandine, tra cui quella dell’incontro di giovedì prossimo).

AGGIORNAMENTO BLOG.

apri le labbra

Cari amici del Blog, ci scusiamo per questa lunga pausa ma oramai sono i social il mezzo che usiamo di più, aggiornandoli praticamente ogni giorno. Questo blog ha fatto la storia della lotta alla pedofilia in Italia e ancora oggi riceviamo lettere da sopravvissuti che scoprendolo trovano la forza per uscire allo scoperto: e rinascere! Perdonate quindi se non sempre lo aggiorniamo. Intanto vi diciamo che in questi mesi abbiamo ovviamente fatto tantissime iniziative. Una delle più importanti ci ha visto andare al Festival del Cinema di Venezia ed alla Festa del Cinema di Roma, per supportare la proiezione di un corto intitolato “Apri le labbra”(diretto da Eleonora Ivone, scritto da Angelo Longoni e con Gaia De Laurentiis, interprete principale). Il corto ora girerà per i festival, poi potremo anche renderlo visibile , tra un po’ di tempo, nel web. Nel frattempo continuano i nostri incontri su e giù per l’Italia, il nostro corso per insegnanti e forze dell’ordine (solo quest’anno più di 1500 persone incontrate) e soprattutto i colloqui e il gruppo di auto aiuto (siamo quasi già a quota duemila pure quest’anno). Insomma, dalla parte vostra. Sempre!

massimiliano frassi
massimiliano frassimassimiliano frassi
gaia de laurentiis

18 e lode a Massimiliano Frassi

Grazie di cuore ai giovani universitari di Bergamo che questo mese ci hanno dedicato la prima pagina della loro rivista.

A cura di Blog Staff.

 

31773068_10213732909135255_1014668491623497728_n

Nuovo sito per Prometeo

E’ on-line da ieri e ci avete sommersi di commenti tutti positivi. A breve faremo alcune piccole correzioni e delle aggiunte.
Felicissimi che lo stile scelto, semplice, elegante, diretto, vi piaccia.

link: www.associazioneprometeo.org

I pericoli di internet – conferenza a Lonato.

massimiliano frassi associazione prometeo pedofilia

Lettera aperta alla bimba abusata dal pedofilo che poi si è tolto la vita

massimiliano frassi

Cara Amica,
non ti conosco di persona, ma come tanti altri ho letto la tua storia sui giornali. Di come hai trovato la forza (so quanta ce ne vuole: brava!!!!) di uscire allo scoperto raccontandoti a scuola, in un tema. Di vincere la paura e la vergogna, quel senso di sporco che ti si attacca addosso e ti impedisce di gridare, poiché il dolore a volte soffoca. Tanto. Ho letto anche che “lui” si è tolto la vita. Capita, quando la facciata si sgretola e capiscono che non la faranno più franca. Facile scappare così. Ma questi predatori sono codardi, tu lo sai bene. Ti scrivo queste poche righe, di getto,  poiché mi auguro un giorno di conoscerti di persona, per dimostrarti che c’è vita dopo l’abuso. Anche se a ben pensarci, in qualche modo ti conosco già,  dato che di anime come te io ne incontro un paio di migliaia all’anno, però ti scrivo  anche perché, proprio per la mia esperienza, ti chiedo una cosa: allontana subito, semmai ci fosse, il senso di colpa per la sua azione. Lui si è ucciso non perché tu hai parlato, ma perché, forse, ha capito la portata del male fatto. Oppure no, la portata loro la sanno fin dall’inizio, mi correggo. Si è ucciso perché la sua facciata, come ho già detto è crollata e non ha retto all’idea di finire in carcere per le sue azioni. Di sensi di colpa ne avrai già abbastanza. Impacchettali e seppelliscili con lui. L’anagrafe con te è stata poco generosa, ma sono certo che ora potrai rinascere e trovare chi vede in te una bellezza da rispettare e non da abusare. Semmai le mie parole ti arriveranno sappi che non sei sola. C’è un’Italia  pulita che ti ringrazia e sta con te. Massimiliano Frassi, per Prometeo  – associazione nazionale vittime pedofilia.

 

 

Violenza sulle donne. Convegno con Equanime.

Chi mi segue sa che non accetto mai inviti per le giornate di…. Di difesa dei bambini, di difesa delle donne, etc. etc. Non per snobismo, ma perché mi scoccia in quel giorno dover vedere decine e decine di eventi, con pseudo esperti o esperti veri che poi svaniscono come neve al sole, già 24 ore dopo. E dato che di conferenze ne faccio già abbastanza di solito in quelle giornate, preferisco andare al cinema. Stavolta però ho accettato subito per due motivi: la presenza di una relatrice come l’amica Milva Facchetti, riferimento storico per chi da sempre si occupa veramente di tutela delle donne maltrattate ed il fatto che ad organizzare il tutto sia l’associazione Equanime, che ho visto praticamente nascere e nella quale ritrovo l’entusiasmo e l’energia che avevamo in Prometeo vent’anni fa, al nostro nascere. Quindi segnatevi data ed evento amici della Valle (e non solo) per questa importante iniziativa.

 

15086880_10210300237410056_1287005245_n

Convegno: Storie. Racconti di donne….

Manifesto-Convegno2016 BIENNO

Massimiliano Frassi presenta “Osso di menta” a Milano.

Milano Massimiliano Frassi

8 Marzo 2016: Esce oggi “Osso di menta”. La storia di Flipper e di come l’Amore vince. Sempre!

baNNER FACEBOOK FLIPPER

“Osso di menta” Il libro dedicato a Flipper.

 

Ciao a tutti Amici, oggi finalmente dopo tante attese ed un’anteprima fantastica (di cui abbiamo abbondantemente parlato) esce il mio libro dedicato a Flipper. Forse il libro che più di tutti mi appartiene e che più di tutti oggi appartiene a voi, che con grande forza mi avete spronato a realizzarlo. Conferenza dopo conferenza, giorno dopo giorno. “Obbligandomi” prima a scriverlo ma poi, soprattutto, a separarmene. Perché c’è stato un momento, e lo sapete, che la scrittura latitava ed il tempo della pubblicazione si allontanava sempre più. Pubblicarlo era in qualche modo accettare che la storia di Flipper fosse un qualcosa non più di presente ma di passato. Pubblicarlo significava sapere che poi appunto quei ricordi, intimi e personali, non sarebbero più stati tali, né solamente miei. Ma alla fine di tutto:  ha vinto l’amore. Di chi in questi anni mi ha sempre chiesto di Flipperino. Ma soprattutto si è magicamente (avverbio migliore non c’è) identificato in lui. Nella sua storia di cucciolo abusato. Nella sua rinascita. In una nuova vita. A sua misura. Bella e confortevole. Quella che tutti si meriterebbero, ma che chi subisce abusi pensa impossibile per sé. Impossibile e non meritabile.  Invece Flipperino era lì ogni giorno a strappare loro un sorriso e ricordare che davvero nessun dolore è per sempre e la rinascita aspettava davvero tutti. “Usare” la sua figura, umanizzata, e la sua storia, tristemente vera, per raggiungere i vostri cuori, soprattutto quelli ammaccati, per riabilitarli, credo sia stato un atto a dir poco geniale (e perdonerete se a dirlo sono io stesso, con questa botta di autoreferenzialità). Ho sempre scelto le strade più difficili, ma che poi si sono rivelate quelle giuste. Avrei potuto prendermi un agente, andare più spesso in Tv e scrivere altre 20 volte “I Bambini delle fogne di Bucarest” o “Il libro nero della pedofilia”. Sarei più ricco in banca. Meno nel cuore. Ogni volta invece c’è stato un cambio di registro. E ogni volta, in qualche modo, vi ho stupito. E voi avete stupito me: seguendomi. Fedelmente. Sempre. Con la giusta dose di affetto e obbiettività. E chi cercava altro, scambiando imi per una  foto da autografare, alla fine si eliminava, naturalmente. All’inizio di questo lavoro mi sono chiesto se fosse il caso di “espormi così”, di “mostrare senza difese, quella parte di me così intima”. Poi il pudore ha lasciato il posto alle pagine, che come sempre, sono nate così, seguendo l’istinto e non i piani di lavoro studiati a tavolino. Perché il cuore non vuole programmazioni e io, noi, è sotto il segno del cuore che ci muoviamo. E quello che è nato, oggi, mi inorgoglisce più di ogni altro mio lavoro. Che ripeto mi avete chiesto: voi. Stimolato: voi. Nutrito: voi. Le bimbe incontrate a Firenze con una letterina per Flipper. La bimba che mi arrivò grazie a lui e tornata alla vita, oggi è mamma meravigliosa. Il bimbo che aspettava le sue foto per portarle a scuola e dire che lui era suo amico, alla faccia dei bulli che gli rinnovavano il male conosciuto in giovanissima età e che amici così non ne avevano. Le mamme di un reparto di oncologia che mi chiedevano di aiutarle a far capire ai loro figli che Flipper non c’era più, dopo che per mesi le sue storie avevano colorato i loro giorni tutti uguali. Le conferenze in giro per la penisola, che finivano TUTTE con: “ma il libro su Flipper quando esce?” Ed allora, ancora una volta ho rinunciato ad un po’ di me, per donarlo agli altri. E tutta la gioia ed i messaggi che mi stanno arrivando per questo libro sono forse, per la prima volta, gli unici complimenti che mi tengo stretti. Se poi questo è appunto servito anche per togliermi il mantello e fare vedere che sotto c’è un uomo e non Superman, allora è ancora più giusto avere scritto un libro così. Che peraltro è Prometeo al 100%. Coerente con tutto quanto ho scritto fino ad oggi. Perché accoglie il dolore (devastante. poiché “pari alla perdita del figlio che non avevo”, mi disse una amica terapeuta) e lo trasforma: dimostrando che si può rinascere. E che per tutti c’è una seconda occasione che sa di vita. E che se presa al volo è davvero vincente. La storia di un grande amore, che diventa messaggio di speranza. Un libro che anche i bambini possono leggere e che si conclude con una favola scritta apposta per loro,  pensando esclusivamente a loro. Un libro che vi commuoverà e divertirà. E’ stato bello (anche se non sempre facile) scriverlo e oggi, confesso, è bello passarlo a voi. Custoditelo con cura. E fatene buon uso. Flipper se lo merita.
Vostro,
Massimiliano Frassi
Bergamo, 8 Marzo 2016

massimiliano frassi

“Osso di menta” edizioni Wordmage, 2016 – euro 10,00 (tutti i proventi alla Prometeo). Per ordinarlo e riceverlo con dedica contattateci seguendo questo link: http://www.associazioneprometeo.org/cms/shop Fate un selfie col libro e voi stessi. O il vostro cucciolo di  casa e postatelo su Facebook. I più spiritosi, commoventi, belli, a nostro giudizio, saranno premiati con un gadget. #flipperthedog

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe