Articoli marcati con tag ‘polizia postale’

Lo smantellamento della Postale.

massimiliano frassi chiudono la polzia postale

La recente rete di pedofili è stata smantellata grazie ai Carabinieri ed alla Polizia Portale. Organo quest’ultimo che spesso all’estero ci hanno invidiato.
Sabato scorso come sapete ho tenuto il nostro corso di formazione con Scotland Yard. Molti gli agenti intervenuti, che operavano nella Postale. Già, parlo al passato. Perché da alcuni mesi molte sezioni della postale sono state smantellate. E vedere queste eccellenze lavorare in altri settori è come cercare un cd di Paul McCartney o un libro di Umberto Eco e scoprire che il primo ha aperto un lavaggio a secco e il secondo fa il cameriere in un hotel Posti importanti, che non critico anzi. Importanti e dignitosi. Ma lontani anni luce dalla loro primaria e reale professionalità!
E così quella che era un eccellenza italiana, grazie ai giochi di potere dei politicanti di m@@@a che ci meritiamo, diventa una vergogna italiana. E soprattutto un regalo a chi delinque.

a cura di Blog Staff – dalla pagina Facebook di Massimiliano Frassi

 

Il N.I.T. di Siracusa: un prestigio tutto italiano nella lotta alla pedofilia

Il N.I.T. di Siracusa: un grande esempio nella lotta alla pedofilia.

Ed a proposito di pedofilia online, riportiamo un’intervista al comandante dr. Domenico Di Sommma, responsabile del N.I.T. di Siracusa, esperienza importantissima in Italia nel contrasto al lato oscuro della rete.

 

http://www.siracusanews.it/node/53166

A cura di Blog Staff.

L’orco nascosto.

L’orco Nascosto.

Da oggi cominciamo a ripostare vecchi articoli (questo di Famiglia Cristiana è del…2003), ma (purtroppo) attualissimi, sul lavoro da noi svolto in quasi 20 anni.
Staff Blog.

orco nascosto 1

Prometeo conferenza pedofilia Massimiliano Frassi

Vogliono smantellare la Polizia Postale!!!!! E i pedofili, esultano!!!!!!

massimiliano frassi chiudono la polzia postale

Il nostro primo appello è di oramai due anni fa. Ed ottenne una risposta precisa da parte dell’allora Ministro Cancellieri. (http://www.massimilianofrassi.it/blog/appello_ministro_cancellieri_smantellamento_polizia_postale.html)
Ma passati i due anni l’emergenza è ritornata. Ed i pedofili (insieme a molti altri delinquenti, stalker e cyberbulli in primis) stanno per ricevere un generoso regalo:
la Polizia Postale rischia nuovamente di essere smantellata.

E sembra che ben 90 sezioni saranno cancellate.

Con fascicoli che verranno impacchettati e mandati ai pochi uffici che non verranno chiusi e che si ritroveranno così ancora più intasati di lavoro.

Ci sono Procure al collasso. Realtà come Napoli dove un fascicolo viene spesso aperto due anni dopo la denuncia (pensate per i minori che INGIUSTIZIA!). Figuriamoci se chi lavora viene fatto tacere, quali saranno  tempi.

Urge una risposta dal mondo politico. E che non ci dicano che il tutto viene fatto per “risparmiare” poiché oramai sappiamo non essere quello il motivo. Se serve fare dei tagli si può davvero andare a guardare altrove. Ma non a una Polizia spesso invidiata anche da quella estera.

“Opfer schwieg mehr als 70 Jahre” – mia intervista in lingua tedesca

La Postale smantella ennesima rete di pedofili! E pensare che c’era chi voleva smantellare la Postale.

Immagini di bimbi che fanno sesso tra di loro. Adolescenti. Ma anche piccoli di3, 4 e 5 anni. Abusati da uno o più adulti. Le immagini sono per gli inquirenti, definibili con un solo aggettivo: “Raccapriccianti”.
È quanto la Polizia Postale ha trovato nel pc di un vicentino, cuoco sessantenne disoccupato che viveva con la mamma.
Insieme a lui indagati a piede libero altre 18 pedofili in tutta Italia (3 dei quali arrestati in flagranza di reato): l’attività della Postale ha coinvolto i compartimenti di Bologna, Catania, Milano, Venezia, Roma e le sezioni di Reggio Emilia, Varese (dove il pedofilo individuato aveva incamera da letto ben 3 telecamere e quindi ora si indaga anche sulla produzione di materiale pedopornografico), Siracusa, Macerata, Caserta e la già citata Vicenza.
Un plauso alla Postale e a chi dà a questi uomini (e donne) gli strumenti per operare al meglio, non certo per smantellarne i servizi.
Nota: a proposito del lavoro della postale, lunedì postiamo al sentenza del caso Pietro Materi!

“ANNUNCIO: Bravi ragazzi. Seri. Intelligenti. Sensibili. Cercano persone da abbindolare, ottenendo lavoro a contatto con i bambini.”

L’annuncio di cui sopra potrebbe riassumere le due storie che sto per presentarvi. Accadute a distanza di 15 giorni l’una con l’altra nel Regno Unito. Dove per l’appunto due ragazzi, “buoni, onesti, bravi, socialmente impegnati, seri, etc. etc. etc.” sono finiti in stato di arresto, in quanto pedofili.
Quelli peraltro altamente pericolosi. Che lavorano in strutture (leggasi scuole) dove noi mandiamo tranquillamente le loro prede (leggasi nostri figli).
Partiamo dal primo.
Nome: Brian Syme.
Età: 32 anni.
Professione: insegnante di sostegno.
Passatempo: aprire profili come fosse una ragazzina sui social network più noti per catturare bambini.
Davanti agli agenti di Scotland Yard in lacrime ha ammesso di averne adescati giusto…una novantina.
Il Giudice che l’ha condannato ha affermato che una  delle sue colpe più grandi “è quella di aver violato la fiducia delle sue giovani vittime”.
Tra i capi di imputazione non poteva mancare la detenzione di materiale pedopornografico.
Interessanti le parole del Giudice al momento della condanna (da usare per qualsiasi caso di pedofilia):
“alla luce di quanto ho visto e sentito su questo caso credo che i bambini debbano essere protetti da un soggetto come lei!”.
Insieme al signor Brian è finito nel registro dei sexual offenders anche un altro suo simile.
Nome: Oliver Corbett.
Età: 25 anni.
Datore di lavoro: scuola.
Passatempo: nel computer aveva 62mila fotografie e 1.585 video di bambini. Chiaro il passatempo?
Arrestato, ed ora in carcere, resterà nel registro dei pedofili A VITA.
Un plauso agli agenti di Scotland Yard che per arrivare a lui hanno visionato 6milioni di fotografie…
Del soggetto aggiungiamo che è un esperto informatico, un “bravissimo ragazzo, senza precedenti penali o nemmeno sospetti che potesse avere una doppia vita”, e tutto quanto sapete oramai ricorrere nei più consueti standard pedofili.
“Bravi ragazzi. Seri. Intelligenti. Sensibili. Cercano persone da abbindolare, ottenendo lavoro a contatto con i bambini.”
Chi saranno i prossimi?

 
Link: la canzone:
http://www.youtube.com/watch?v=N3A6jaAzNQg

Per qualsiasi “problema” possiate incontrare in internet:
http://poliziadistato.it/articolo/982-Polizia_postale_e_delle_comunicazioni

Il video della Polizia Postale:
http://www.youtube.com/watch?v=u6mLirrz_8I

Come usare il Blog
Libri
libro nero pedofilia
ho conosciuto un angelo
bambini bucarest
adesivo
prometeo

Per non dimenticare Tommaso Onofri

Tommy

Archivio
Powered by AtSafe